In questi giorni si è tornato a discutere di videogiochi in seguito ad un’inchiesta di Panorama che puntava in particolare il dito contro Rule of Rose, un gioco sadico e violento. Ora, a parte qualche precisazione (il videogioco è vietato ai minori e la protagonista non è una bambina ma una diciannovenne), non ho motivo...