Chi mi conoscesa che, a casa o più spesso sul lavoro, c’è un modo per farmi innervosire, ed è toccare lo schermo con il quale sto lavorando.
La traccia opaca della ditata unta mi perseguita e non riesco a ricominciare a lavorare finché non ne ho rimosso ogni scia. Ecco perché tutta questa mania del touch non la capisco: cellulari, navigatori e monitor imbrattati dalle ditate degli utilizzatori? Ma scherziamo? Senza considerare il fatto che la tecnologia impedisce l’uso di pennini o guanti. Ovviamente non posso che sperare nel fallimento di questi nuovi strumenti.
Se proprio sarò costretto, mi metterò una bacinella con del sapone sulla scrivania.
Se  il mio monitor deve tollerare il contatto del dito, che almeno sia pulito