Nel discutere e polemizzare con la scelta originale del sindaco di Adro di tappezzare la scuola della sua cittadina con il simbolo della lega, si è forse trascurato un altro dettaglio secondo me importante.
E cioè che il sindaco, nella stessa scuola, ha fatto murare i crocifissi, così da non poter essere rimossi. Se già i teologi cristiani parlano talvolta dello "scandalo della croce", adesso dovranno affrontare il tema dello scandalo della croce murata. Si perchè se nostro Signore avesse voluto essere "obbligatoriamente" davanti a tutti noi, semplicemente non ci avrebbe donato la libertà  di arbitrio, la possibilià  cioè di scegliere se seguire o no il suo messaggio. Tutte le volte che i cristiani hanno dimenticato questo passaggio essenziale, dalle crociate ai missionari che accompagnavano conquistadores fino all’inquisizione, hanno fatto dei danni enormi.
Quella della croce è una scelta, se imposta non serve a nulla.
"Liberate" quei poveri crocifissi: se resteranno appesi è perchè c’è qualcuno che crede nel messaggio che ricordano, e non per l’opera di un muratore.
Se solo si potesse murare il buon senso, mi armerei di cemento a presa rapida..