Un dettaglio del presepe 2013 dell'Arci Statte

Un dettaglio del presepe 2013 dell’Arci Statte

Il presepe può essere vivente, l’albero – se è vero – è quasi sempre morente.

Il presepe spesso è artistico, l’albero è spesso è artefatto.

Nel presepe c’è sempre chi aggiunge una statuina, nell’albero c’è sempre chi rompe le palle.

Il presepe racconta la storia della natività di nostro Signore con il codice iconografico, l’albero racconta frasi sconnesse acceso – spento – acceso – spento – intermittente  intermittente – acceso con il codice Morse.
Il presepe può essere ambientato in una città o in una foresta, in riva al fiume o in montagna, con una grotta o una stalla, con un laghetto o un prato fiorito, con un diorama o un plastico tridimensionale. L’albero può essere con il puntale o senza.

Il presepe ha bisogno di estro e creatività, l’albero ha bisogno di corrente elettrica.

Nel presepe la notte del 24 ci metti la riproduzione del bambinello, nostro Salvatore. Sotto l’albero la notte del 24 – ATTENZIONE: SPOILER – ci metti la casa di Peppa Pig e la cesta per i nonni.

Nel presepe c’è Gesù Bambino, Maria e Giuseppe, i Re Magi, l’angelo, l’asino e il bue, i pastorelli, e poi la lavandaia, il falegname, il contadino e il mugnaio comprati ai mercatini. Nell’albero ci sono palline e nastrini comprati all’Ikea.

Ma soprattutto, se qualcuno di voi nutrisse ancora qualche dubbio su quale preferire.
Il presepe è italiano, l’albero di Natale è tedesco.
W il presepe.