Le testine si allineano, le teste pensano

Carmine Caputo è uno scrittore nato a Statte, la collina ridente alle spalle di Taranto, un venerdì alle ore 18: giusto in tempo per l'inizio del weekend. Visto che la collina non rideva più si è trasferito a Bologna nel 1994 dove si occupa di comunicazione, lo sguardo rivolto a oriente nella speranza di intravedere un riflesso sul mare.
Posts tagged "battute"
Ridiamo per non piangere

Ridiamo per non piangere

Tutti a sud con Salvini a riprenderci i nostri soldi! – Eh ma cumenda e chi lo paga il viaggio? Guardi che la Tanzania l’è lontana… Ehi ciao come stai, da quanto tempo, sei proprio tu? O forse… No scusa mi sono confuso, ti ho presa per un’altra, scusami ancora. L’Italia riconosce la Palestina. Anzi...
Un anno di pensieri del giovane papà

Un anno di pensieri del giovane papà

Barbapapà – anni 70 – era un vero capofamiglia rispettato. Papà Pig – anni 2000 – è un imbecille deriso da tutti i familiari. Nella rappresentazione della figura paterna nei cartoni c’é la chiave per comprendere il declino dell’impero culturale occidentale. A Fiabilandia con la famiglia. Nel castello di Mago Merlino giurerei di aver visto...

Rimettete Pippo al suo posto!

Il ruolo del giovane papà prevede inevitabilmente una serie di attività accessorie quali la visione di programmi televisivi per i più piccoli. Nessun problema quando si tratta dei soliti deliri psichedelici tipo Flimbles, Teletubbies o Albero Azzurro. Se si accetta appunto che un albero possa essere azzurro, va bene tutto. I problemi sorgono quando le...

Sul concerto del primo maggio

Terrorista, per il dizionario De Mauro, è chi fa parte di un gruppo o di un movimento politico che si avvale di metodi illegali ed efferati per sovvertire il regime politico esistente Stupido è chi è tardo nel comprendere, ottuso di mente, poco intelligente. Secondo me, fare delle battute di cattivo gusto, superficiali, grezze, offensive,...

40 morti e ottantadue feriti

40 morti e ottantadue feriti. Un bilancio spaventoso, non c’è che dire, anche per chi soffre un po’ di assuefazione da cifre tragiche. Non è il risultato di una sciagura imprevista o di un incidente, non è un nuovo morbo né il risultato di un conflitto criminale. 40 sono le persone morte, dal settembre 2004...