Cari ragazzi del terzo millennio che andate in gita pensando di godere finalmente di un po' di libertà, non vi invidio. Non vi invidio perché i vostri genitori possono chiamarvi in qualunque momento e chiedervi come va, com'è il tempo, se avete mangiato e se la maglia della salute vi sta troppo troppo stretta.