Presepe del Borgo "La Scola"

Il bellissimo presepe del Borgo La Scola, in cui Giuseppe ha in braccio Gesù

Stiamo perdendo i nostri valori, le tradizioni che hanno portato all’evoluzione della civiltà occidentale, in nome di una pretesa di progresso senza fondamento alcuno. È ora di dichiararlo, è ora di proclamare il nostro doveroso diritto alla conservazione delle idee in cui crediamo. Ci chiameranno reazionari, con il loro gne gne gne sghignazzante di pericolosi e perversi sovvertitori? Ci diranno che apparteniamo al passato, mangiando avocado e sorseggiando la loro nefasta birra analcolica in boccali di plastica riciclata? Lo facciano pure, noi proseguiremo a testa alta nel nostro manifesto in difesa della sacra famiglia tradizionale, fino alla vittoria finale.

Noi crediamo nella famiglia composta da spaghetto, guanciale, uovo e formaggio pecorino. Non siamo tutti uguali, è vero, per questo possono esserci anche famiglie con una componente minoritaria di parmigiano; ma da qui a tollerare l’imbastardimento del nucleo, con elementi protetti dalle lobby finanziarie che vorrebbero inserirci la pancetta!, misericordia, ce ne vuole.

Noi crediamo nelle coppie di calzini blu, neri, grigi. Abbiamo assistito all’indecente spettacolo di giovani perversi che reputavano di risultare divertenti perché indossavano spavaldamente calzini spaiati. Purtroppo la ricerca scientifica non ha ancora trovato una cura contro uno dei mali di questo secolo, il daltonismo, e manifestiamo la nostra vicinanza nei confronti dei familiari delle persone ammalate. Tuttavia il loro disordine non può diventare uno stile di vita: i daltonici si facciano supportare da assistenti sociali o imparino a indossare calzini con ricami che li rendano riconoscibili, purché si fermi questa deriva di depravazione. Tralasciamo qui ogni superficiale commento sulla tragedia contemporanea dei calzini bianchi, magari anche corti, introdotti sul mercato con l’unico evidente intento di traviare le giovani generazioni e portarle in una via fatta di stravaganze, eccessi e in ultimo morte solitaria.

Noi crediamo nella famiglia tradizionale composta da chitarra, batteria, chitarra basso e voce. Bene la seconda chitarra, una solista e una ritmica, è così che deve andare. Perché è solo intorno a questo gruppo originale, intorno a queste solide basi che si può allargare la famiglia con tastiere, fiati, percussioni, violini e cornamusa. Famiglie composte da chitarrista e batterie elettroniche? L’onanismo elevato ad arte. Tastiere che si accompagnano a chitarra? In chiesa forse, non sul palco. Ci sembra assurdo dover anche solo specificare questi principi. Ma davvero pensiamo sia tollerabile l’impudicizia di un mondo non dico senza doppia cassa, ma addirittura senza batteria alcuna? Tanto vale a questo punto lasciare ai nostri figli una base registrata reggaeton su cui uno sfigato sproloquia con rime da filastrocca di terza elementare e pretende di chiamarla canzone. Neanche a Sodoma e Gomorra ascoltavano il trap, neanche laggiù.

Invece no.

Siate maledetti voi, che mettete l’ananas sulla pizza invocando la libertà individuale, voi che fate i risvoltini ai pantaloni in nome del libero arbitrio, voi che allungate il vino con l’acqua frizzante così è più gradevole. Su di voi scenda il nostro anatema: siamo pronti a tutto per difendere i nostri valori.

PS Per quanto riguarda le famiglie di persone, non ci importa assolutamente nulla della loro composizione, a patto che ci sia amore, rispetto e libertà tra ciascuno dei componenti.

La nostra Sacra famiglia per eccellenza è composta da una madre vergine, un compagno che si rassegna al matrimonio riparatore solo dopo fenomeni di insonnia ansiosa e un figlio generato non creato, che infatti, pur essendo nato in Palestina, è biondo con gli occhi azzurri. Per dire.
E sono pure ebrei e migranti.

Buon Natale.