Fotocopiatrici e futuro

Sui passi da gigante fatti dalla tecnologia scrivono e dibattono già troppi blog. Telecomunicazioni, elettronica di consumo, intrattenimento. Più divertente, e quindi in linea con questo blog, è osservare quando la tecnologia arranca, si affanna, barcolla. Pensiamo per esempio alla fotocopiatrici. Si, è vero, adesso hanno uno schermetto lcd al posto delle spie. Qualche volta è addirittura a colori. Qualche volta ancora, se si inceppa la carta, ti fa vedere un mini cartone animato spiegandoti che la carta si è inceppata.
Ma il problema è un altro, il problema è la carta che si inceppa. Il resto sono palliativi. Se volete, aggiungere questi gadget tecnologico è stato come mettere l’autoradio sul dirigibile: si magari è più comodo, ma la gente continuerà a prendere l’areo perché il dirigibile di tanto in tanto prende fuoco. Però evidentemente gli ingegneri e i ricercatori non hanno fatto molti progressi in questo settore: quando fotocopiavo i libri all’università (ops… si può dire?) le fotocopiatrici no-frills avevano due spie soltanto, è lampeggiavano quando la carta si inceppava.
Adesso c’è il siparietto in 3d, ma ad aprire il cassetto, bruciacchiarmi le dita, strappare i residui di carta e ricominciare da capo tocca sempre a me. Almeno fino a quando qualche anima buona non chiamerà l’assistenza tecnica, un settore che dopo quindici anni non sembra affatto avvertire la crisi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.