Io non odio Ikea

Immagine tratta dal sito Ikea

Io non odio Ikea per i suoi mobili montabili. In fondo montarli può essere divertente se si supera l’angoscia della vite che avanza – e non dovrebbe – e la si nasconde in fretta in un cassetto.

Io non odio Ikea per le sue librerie, che si adattano agli ambienti e permettono di sfruttare bene gli spazi.

Io non odio Ikea neppure per i suoi menù al salmone o le bevande gassate ai mirtilli (sebbene un italiano che mangia in un ristorante svedese è uno dei segni ineludibili dell’avvicinarsi dell’apocalisse come le automobili di lusso indiane e gli svizzeri campioni di vela).

Io non odio Ikea perché ritira dal mercato seggiolini che si sganciano o tende che rischiano di decapitare gli ospiti: certo sarebbe meglio non sbagliare, ma ammettere i propri sbagli è segno di maturità.

Io odio Ikea per le posatine colorate, i bicchierini fosforescenti, le scatoline, le lampadine, le ciotoline e  tutto ciò di piccolino che scivola lascivamente nelle borse delle mogli che partono con l’idea di farsi un giro (con la tranquillità dei mariti che sanno che FRAMSTA o KLINGSBO non ci stanno agevolmente nel carrello) e tornano “senza aver comprato quasi niente”.

E’ in quell’avverbio “quasi” che si concentra il mio odio per Ikea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.