Le testine si allineano, le teste pensano

Carmine Caputo è uno scrittore e giornalista nato a Statte, la collina ridente alle spalle di Taranto, un venerdì alle ore 18: giusto in tempo per l'inizio del weekend. Visto che la collina non rideva più si è trasferito a Bologna nel 1994 dove si occupa di comunicazione, lo sguardo rivolto a oriente nella speranza di intravedere un riflesso sul mare.
Dieci cose che so sul calcetto

Dieci cose che so sul calcetto

In questi giorni di pandemia sto leggendo tante, troppe inesattezze sullo sport che è ragione di vita per tanti impiegati sovrappeso. È arrivato il momento che io scriva le dieci cose che so sul calcetto. 1. Se il calcetto è fatto bene rischi malattie veneree, altro che Covid 2. In...
Chiavistelloni VS Aperitonti

Chiavistelloni VS Aperitonti

Longobardi e bizantini, guelfi e ghibellini, fascisti e comunisti: siamo sempre stati divisi in fazioni, ma l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha mescolato le carte in tavola. Sì perché adesso siamo tutti chiavistelloni, tifosi del lock-down, della chiusura sotto chiave, o aperitonti, che bramiamo il ritorno allo spritz del venerdì...
A proposito di autocertificazioni

A proposito di autocertificazioni

Allora. Facciamo il punto per i miei 25 lettori. L’autocertificazione è un documento attraverso il quale io cittadino fornisco ad un pubblico ufficiale informazioni di cui lo Stato GIÀ dispone. La mia età, il mio indirizzo di residenza, il mio stato civile sono informazioni già registrate: per cui io le...
Il decalogo del corona virus

Il decalogo del corona virus

ALERT BLACK HUMOUR: se ritenete che di certe cose non si debba scherzare, andate oltre. Muovete quel ditino, su, che non voglio scandalizzare nessuno. Se invece pensate esistano solo battute che fanno ridere e battute scarse, buon proseguimento. Finirà che a marzo anziché ridurre di un terzo gli eletti ridurremo...
La pacchia è finita

La pacchia è finita

La pacchia è finita, c’è chi l’ha ripetuto spesso negli ultimi mesi. In effetti mi sento di condividere questa affermazione, anche se credo sarebbe opportuno precisare “per chi” è finita questa pacchia. Non è finita, come suggerito da alcuni esponenti politici, per i migranti arrivati in Europa negli ultimi anni...
I propositi di uno scrittore galleggiante

I propositi di uno scrittore galleggiante

Che fine anno sarebbe senza i propositi per l’anno nuovo? Con il prossimo tra l’altro si apre un decennio, per cui se non dovessimo farcela a rispettarli possiamo chiedere una proroga che in Italia non si nega a nessuno. 10) Giocare a calcetto soltanto con persone che condividono lo stesso...
Manifesto in difesa della famiglia tradizionale

Manifesto in difesa della famiglia tradizionale

Stiamo perdendo i nostri valori, le tradizioni che hanno portato all’evoluzione della civiltà occidentale, in nome di una pretesa di progresso senza fondamento alcuno. È ora di dichiararlo, è ora di proclamare il nostro doveroso diritto alla conservazione delle idee in cui crediamo. Ci chiameranno reazionari, con il loro gne...
La scuola ai tempi del grande fratello

La scuola ai tempi del grande fratello

Se i miei genitori volevano sapere come mi era andata a scuola, me lo dovevano chiedere, e fidarsi delle mie parole. Almeno fino al giorno del colloquio con i professori. Quel giorno si sarebbero messi in coda pacificamente, selezionando con attenzione le file per evitare magari di passare il pomeriggio...
La barbarie del giropizza

La barbarie del giropizza

Di solito ordino una pizza alle verdure, se possibile con farina integrale. Non sono un salutista, è che gli affettati cotti nel forno con la pizza sono una bomba a cui il mio organismo non si abituerà mai; non a caso se sono in vena di trasgressioni prendo una speck...
Un mondo human free

Un mondo human free

Siamo passati da un mondo in cui ci dopo aver fatto la spesa ci consegnavano dei sacchetti di plastica che riutilizzavamo per gettare l’immondizia, a un mondo virtuoso in cui facciamo la spesa in sacchetti di cotone o materiale più resistente, e poi sacchetti di plastica per gettare l’immondizia li...
La scatola di cartone

La scatola di cartone

Chi non ha mai avuto la fortuna di portare a sviluppare un rullino non può cogliere l’emozione che si provava ricevendo quel tesoro prezioso, l’ansia di dare un’occhiata rientrando a casa, vedere cos’era stato delle nostre meravigliose fotografie, se i prodotti della nostra immaginazione si erano trasformati in immagini o...
Spero che ritorni presto l'era della pigrizia

Spero che ritorni presto l’era della pigrizia

Da qualche anno a questa parte la lussuria sembra cedere il passo, arrancare, di fronte al nuovo vizio che riempie le colonne dei giornali e le cronache televisive: la gola. D’altronde il sesso è sopravvalutato, si è detto, e poi non è alla portata di tutti. Non tutti possono avere...
Prima noi

Prima noi

[In chiesa] Non penserà certo di sedersi qui, eh? Siamo già abbastanza stretti. Poteva svegliarsi prima. Poteva arrivare in orario, o in anticipo. Poi, chissà da dove viene? Non mi pare nemmeno di riconoscerlo. Magari non è nemmeno della nostra parrocchia. Io di sicuro non mi faccio più in là,...
E mo'...bici!

E mo’…bici!

Ebbene l’ho fatto. Sono tornato in bici, a quasi vent’anni da quel furto che segnò negativamente la mia esperienza di ciclista sotto le due torri. Era il 2000, dopo 6 anni a cavallo di ferraglia sgangherata, troppo arrugginita per interessare un ladro, avevo finalmente deciso di acquistare una bicicletta. 250...
Non esistono ritardi, solo poderosi anticipi

Non esistono ritardi, solo poderosi anticipi

In linea di principio sono favorevole ai mezzi pubblici, specie per gli spostamenti ripetitivi come il tragitto casa lavoro. Però un conto è prendere la metropolitana a Tokio, un conto è avere a che fare con i mezzi pubblici italiani, specie poi se vanno abbinati treno e bus. Ebbene, alcuni...
E companatico senza pane... la mia esperienza con Fico

E companatico senza pane… la mia esperienza con Fico

Ho finalmente visitato Fico, la Fabbrica Italiana Contadina di EatItaly, di cui ho preferito non parlare prima perché sono convinto che prima di criticare qualcosa bisogna vederla e provarla. E devo dire che l’esperienza non è stata negativa, a patto di chiarire alcuni aspetti. La comunicazione da me percepita da...
La colpa è del sistema

La colpa è del sistema

Non hai un lavoro perché dopo la terza media hai smesso di studiare e hai trascorso gli ultimi vent’anni sul divano dei tuoi? È colpa del sistema. Vorresti tanto diventare un cantante di successo ma la lobby delle case discografiche ti ostacola perché il tuo talento oscurerebbe i loro protetti?...
Articoli più recenti
La finestra sul porcile

La finestra sul porcile

Ho frequentato negli anni diverse palestre (ma chi? Tu? Dici davvero? Staranno dicendo quelli che mi conoscono e conoscono il mio stato di forma). Sì, io, con risultati evidentemente insoddisfacenti. Anche perché mi alleno molto meno di quanto sarebbe necessario per ottenere un benché minimo traguardo. Ma il punto non è questo. Nel mio girovagare...
Tutti autoimmuni

Tutti autoimmuni

Immaginate che qualcuno compri un’auto usata. Il venditore però gli dice: te la vendo ad un prezzo stracciato, ma guarda che non ha passato la revisione, bisogna rifare i freni. È costoso ma rischi di ammazzare qualcuno se non lo fai. L’acquirente però vuole l’impunità penale: se i freni sono rotti è colpa di quelli...
Sei italiano se...

Sei italiano se…

Si chiamano solitamente “Sei di quel posto se…” e all’inizio sembravano innocenti gruppi su Facebook con cui condividere la propria appartenenza ad una comunità. Il successo è stato clamoroso, soprattutto per quelle comunità più piccole dove questi gruppo si sono trasformati in una piazza virtuale. Una piazza allegra, all’inizio, in cui condividere progetti, idee, esperienze,...
Il ricalcolo post cacchiata

Il ricalcolo post cacchiata

Succede anche ai più attenti: ti attardi a leggere il nome di un via e la metti a fuoco quando ormai l’hai superata, ti rendi conto che duecento metri in auto non sono poi così tanti, dai retta ai clacson che ti strombazzano nelle chiappe e tiri dritto sbagliando la svolta buona. E lì, inevitabilmente,...
Quel maglioncino beige quasi nuovo

Quel maglioncino beige quasi nuovo

Ce l’abbiamo tutti, una maglietta di cotone a maniche lunghe, una giacca impermeabile leggera, un maglioncino sottile marroncino o beige. Di solito sono nel nostro armadio, silenti, cupi, depressi. Alcuni hanno addirittura ancora l’etichetta del negozio, altri nemmeno ricordiamo più di averli comprati. Eppure sono tra i capi meglio conservati: perché non li usiamo mai....
Potrebbe piovere

Potrebbe piovere

Quando ero piccolo le giornate di pioggia mi mettevano di buon umore, come qualunque cosa insolita e nuova. Gli stivali di gomma dai colori sgargianti, l’impermeabile con l’odore acre di plastica tirato fuori dal cassetto più in basso, quel fiume che si riversava davanti a casa e che richiedeva un po’ di equilibrio per saltare...