Bisogna saper perdere, professore

Chi vive fuori da Bologna non sarà stato più di tanto coinvolto o informato, ma domenica un referendum comunale ha interrogato la cittadinanza sulla destinazione di fondi (circa un milione e duecentomila euro) che ogni anno il Comune destina alle scuole materne paritarie. Si chiedeva se continuare a concederli a questi istituti privati, o se destinarli alla scuola pubblica. Al referendum ha partecipato il 28,71% degli aventi diritto, con la vittoria dello schieramento A che chiedeva di spostare questi fondi per la scuola pubblica che ha raggiunto il 59% contro il 41% delle risposte per il B.

Il referendum è consultivo, cioè dà alla giunta un’indicaziscuola_pubblicaone su come operare, anche se quest’ultima non è obbligata. Certo nessun sindaco si sognerebbe di ignorare il voto di circa il 17% degli elettori (specie se appartengono, come in questo caso, tutti al suo schieramento), ma Merola ha già dimostrato in passato di essere capace di stupire tutti quando si tratta di farsi del male; ma non è questo il tema di questo mio intervento.

Il tema è un altro: il referendum non ha un quorum. Infatti, nessuno, nel campo del settore B, ha mai chiesto di disertare le urne: al contrario, le parrocchie che dispongono di scuole paritarie hanno dedicato veri e propri comizi direttamente dall’altare (ad alcuni dei quali ho dovuto assistere mio malgrado), invitando a votare in massa per B, per non parlare di volantinaggi in piena volazione di silenzio elettorale. Non dimentichiamo che si schieravano per il voto B il PD, il PDL, i centristi (cambiano sempre nome, uddicì, fli, monti, insomma quelli lì), i sindacati confederati, la CEI. Praticamente tutti, con eccezione di Sel e M5S. E non dimentichiamo neanche che i seggi sono stati allestiti a volte in baite in mezzo ai boschi o centri sportivi dispersi nella tundra padana. Nonostante ciò, nonostante una campagna di tutte le televisioni locali e tutti i giornali (da quelli che hanno dedicato numeri monografici al vota B come il Carlino a quelli che si sono limitati a storcere il muso di fronte alla pochezza intellettuale del fronte dei referendari, come l’Unità), nonostante la chiamata alle armi, il “Tutti a votare”….vince A contro ogni pronostico. E allora?
Allora ecco  che un esimio professore di economia, Zamagni, da sempre schierato sul fronte dei finanziamenti alle scuole private, ci spiega che non abbiamo capito niente. Ha vinto B. Anzi, ha stravinto, tanto è vero che non solo bisogna continuare a finanziare le scuole private, ma bisogna aumentare questi finanziamenti, con il sistema dei voucher. Se non ci credete, se pensate che esageri, leggete qui.
Ora, io avevo un amico che quando la sua squadra perdeva quattro a zero diceva che era stata vittima di episodi sfortunati. Ma non era mai arrivato a dire che perdere quattro a zero è una vittoria, perché bisogna perdere almeno sette, otto a zero per poter parlare di risultato netto. Io non dispongo certo della capacità intellettuale e della cultura di Zamagni, e infatti sono rimasto folgorato dalla sua spiegazione eccellente.
Certo che ha vinto B, ci spiega l’eminente docente, perché quelli che volevano il finanziamento pubblico hanno votato, e sono il 17%, tutti gli altri vuol dire che non lo vogliono, e sono l’83%. O comunque non credono nello strumento del referendum. Straordinario. Un autentico trionfo. Come dire che a Roma un elettore su due, che si è astenuto, non crede nello strumento elettorale, perché è monarchico. O anarchico. A Roma per l’illustre Zamagni ci sarebbero più di un milione di monarchici. Ma non ditelo a Emanuele Filiberto.

Dovrò spiegare a mia figlia questo ragionamento illuminante: se hai bisogno di andare in bagno, è inutile chiederlo alla maestra, è solo uno spreco di risorse (la tua voce). Perché se lo chiedi tu, ma i diciannove compagni di classe rimangono zitti, vuol dire che la tua esigenza è minoritaria. O che i tuoi compagni non credono nella validità delle richieste alla maestra. Solo quando almeno undici, dodici compagni su venti chiederanno alla maestra che tu possa andare in bagno, allora ne avrai davvero diritto.
E voi che leggete questo post tramite Facebook, non cliccate su “mi piace”. Non serve a niente: gli utenti facebook sono oltre un miliario, come spiega l’egregio professor Zamagni ci vorranno almeno cinquecento milioni di “mi piace” perché si possa dire che questo post piace davvero a qualcuno. Altrimenti è solo uno spreco.

Un’ultima cosa voglio dirla all’insigne professor Zamagni. Lei dice che i referendari hanno sprecato mezzo milione di euro. A parte il fatto che i referendari chiesero di votare insieme alle elezioni politiche, e fu il sindaco a opporsi, spostando la consultazione a fine maggio. Ma se vogliamo parlare di costi, le elezioni politiche sono costate quasi 400 milioni di euro, e i referendum abrogativi ne costano più o meno 360 milioni. Tutti sprechi, in effetti. Meglio sarebbe che a decidere foste direttamente voi professori, sai che risparmio, oppure il papa e i vescovi, come ai bei tempi dello Stato Vaticano. Ma c’è qualcuno che è morto per garantirci il diritto di sprecare i nostri soldi così: si chiama democrazia, e vale anche quando si perde.

Top ten di consigli culinari di un “master che”?

limoneNegli ultimi tempi in televisione è tutto un fiorire di cuochi, chef, maestri dei fornelli e compagnia cantante. Come ovvia conseguenze anche le conversazioni sempre più di frequente hanno a che fare con il cibo. Io non so cucinare, non nella accezione del termine che preveda un minimo di creatività e competenza. Eppure, nel mio meccanico e demenziale lavoro ai fornelli, mi sento di dare qualche consiglio talmente ovvio che io stesso, dopo averli scritti, ho pensato: ma dai, davvero non penserai che c’è qualcuno che…C’è, c’è, ve lo dico io.
10) Si fa sempre in tempo ad aggiungere sale in extremis. Toglierlo invece è un casino. Per cui moderate quel pugno carico
9) La qualità della penne rigate è, a parità di altri fattori, più scarsa di quelle lisce. Le righe le hanno inventate apposta per favorire la cottura anche di impasti mediocri
8) Un fettina ai ferri è più saporita se ci aggiungete un filino d’olio prima o durante la cottura. Giusto un filino, che la frittura è un’altra cosa
7) Il parmigiano è saporito, ma se esagerate, tutto saprà solo e soltanto di parmigiano. E poi, con il tonno proprio no.
6) Le mozzarelle in busta che si vendono al supermercato non sono mozzarelle. Sulla confezione bisognerebbe scrivere “demozzarellizato”, come per il caffé senza caffeina. Se volete davvero mangiare una mozzarella, scordatevi quella sbobba annacquata.
5) Meglio abbondare con l’acqua di cottura, stando attenti che la pasta non ne assorba troppa. Ci mette di più a cuocersi Se avete fretta compratevi uno di quei prodotti da infilare nel microonde e trangugiare al volo, precondito, precotto, perdigerito. Sono fatti a posta per gli ndividui con i vostri problemi. A proposito, il sale si versa quando l’acqua già bolle, non prima.
4) Lasciate perdere quegli insaporitori industriali, se il pesce è buono e cotto bene, un poì di succo di limone è l’unico condimento di cui ha bisogno
3) Tutti i vini sono buoni se serviti ghiacchiati. Anche l’aceto allungato. Ma se volete rispettare il lavoro di chi l’ha prodotto, il vino va servito tra i 10 e i 20 gradi a seconda del tipo
2) Siete stanchi del panino con la mortadella, degnissima specialità emiliana? UNa sana alternativa al panino del camionista è il panino con i pomodorini ciliegini, olio extravergine e origano. Sin da bambino per me è imbattibile.
1) Il caffé con la macchinetta della moka si prepara con il gas al minimo. Niente ma! O così o niente.