Donne al volante, prima parte

stradaLa mia esperienza di automobilista mi porta a dire che in genere le donne guidano meglio degli uomini.
Sono meno prepotenti, meno sicure di sé e quindi meno temerarie, più rispettose del codice della strada. Sicuramente più creative e quindi imprevedibili: mentre di un cafone in gippone lo capisci subito che ti affiancherà mettendosi in preferenziale per tagliarti la strada in fondo al rettilineo, la cafona in gippone ti stupisce, perché magari si inventa un allungo in frenata o un sorpasso da destra che ti lascia senza parole ma quasi sempre incolume.
Ci sono solo due momenti della vita di automobilista incompatibili con l’essenza femminile. Il primo è il parcheggio. Per le donne l’unico parcheggio buono è quello a pettine, sul lato del senso di marcia, possibilmente tra due auto molto distanti e senza strisce per terra che denunciano noiosamente l’imprecisione nella svolta. Tutti gli altri parcheggi sono una rottura di scatole. Quello perpendicolare al senso di marcia richiede un movimento a 90° della vettura che anche alla signorina più abile riesce due volte l’anno. Quello dei centri commerciali (di solito anche lui trasversale) crea gli stessi disagi con l’aggravante che l’ansia da astinenza da shopping innervosisce ancora di più le automobiliste che il più delle volte abbandonano l’auto in fondo all’ultimo padiglione del parcheggio sotterraneo, quello con il muschio e le pozzanghere per le perdite dal tetto, perché almeno lì non ci sono quei noiosi pensionati che ti guardano e scuotono il capo.
Quello in retromarcia poi non ne parliamo: quattro botte alla macchina dietro, una strisciata a quella davanti, e quando scendi ti accorgi che il marciapiedi ti saluta sorridente e ti domanda ingenuo perché non ti avvicini di almeno mezzo metro.
Ho visto auto parcheggiate in seconda fila senza che ce ne fosse una prima: auto parcheggiate quasi sempre da signore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.