Hanno vinto gli ignavi?

(…)


E io ch’avea d’error la testa cinta,
dissi: ?Maestro, che è quel ch’i’ odo?
e che gent’ è che par nel duol sì vinta??.


Ed elli a me: ?Questo misero modo
tegnon l’anime triste di coloro
che visser sanza ‘nfamia e sanza lodo.


Mischiate sono a quel cattivo coro
de li angeli che non furon ribelli
né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.


Caccianli i ciel per non esser men belli,
né lo profondo inferno li riceve,
ch’alcuna gloria i rei avrebber d’elli?.


E io: ?Maestro, che è tanto greve
a lor che lamentar li fa sì forte??.
Rispuose: ?Dicerolti molto breve.


Questi non hanno speranza di morte,
e la lor cieca vita è tanto bassa,
che ‘nvid?osi son d’ogne altra sorte.


Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa?.


(…)


Non si fa la storia astenendosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.