Plutone non è più un pianeta

Le chiamano altezzosamente scienze esatte: perchè sono arbitrarie, discutibili e fondamentalmente inutili come le altre scienze inesatte (filosofia, storia e in generale studi umanistici).
Mi riferisco alla chimica, alla fisica, alla biologia. Ti danno certezze: c’è un postulato su cui non si discute: chiacchierate pure sull’essere e il linguaggio, rammolliti perditempi, le nostre leggi non si discutono. Per un puno passa solo un retta parallela ad un’altra, la terra gira intorno al sole. Si ma quanto ci abbiamo messo a convincerci che non fosse lil medaglione di fuoco a girarci intorno? E come la mettiamo con la geometria non euclidea per cui se prendi una corda tesa e fai il giro del mondo non hai più una retta ma una circonferenza? E come conciliare teoria della relatività con la meccanica quantistica?
Le nostre certezze kantiane (AHHH! LA FILOSOFIA!) per cui tutto può essere schematizzato e infilato in settori non sono poi così certe: ce l’ha spiegato Eco quando qualche hanno fa ha raccontato lo sconcerto che provocò negli scienziati la scoperta dell’ornitorinco, un animale che non rientrava nelle loro categorie. Perchè oggi questa divagazione epistemologica? Perchè da ieri Plutone non è più un pianeta. L’hanno deciso gli astronomi, che prima avevano proposto di allarga a 12 la famiglia dei pianeti nel sitema solare, portando dentro persino una luna di Plutone (Caronte), poi li hanno ricacciati fuori, compreso il povero Plutone. Il concetto di pianeta nano non è un concetto, per cui Platone non è un pianeta.
Nell’attesa che qualcuno informi il pianeta del declassamento, aspettiamo che le scienze esattissime continuino a correggere i loro errori..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.