Programmi penosi

Il messaggio è stato chiaro, e i vari galletti dell’emisfero televisivo dovrebbero riflettere. Leggo infatti che l’Isola dei Morti di Fama è stata vinta da un tizio sudamericano, credo, che se ne è stato un mese da solo in una spiaggia, a non far niente. Non ha vinto prove di abilità, non ha mostrato la sua abilità come pescatore o cacciatore, non ha attratto le simpatia dei compagni di viaggio che l’hanno cacciato subito, non ha fatto un emerito fico secco per vincere, se non la semplice operazione di starsene fuori dalle scatole per un mese, solo, a destare pena. A parte il fatto che proporrei una perizia psichiatrica per tutti quelli che spendono dei soldi per televotare: perchè mai lo fanno? Non si vince niente…Poi mi piacerebbe che per una volta non ci offrisserro percentuali, ma numeri precisi: non mi basta sapere che il 70% ha votato per tizio, voglio sapere quanti sono, 100, 200, 300, questi imbecilli che televotano, e magari vorrei anche i loro nomi, per evitare ogni rapporto professionale o relazionale con loro. In ogni caso questi dementi dei televotatori hanno chiarito che al pubblico piace non chi sa fare qualcosa, ma chi desta pena. E allora mi domando: è una tivù penosa, o peggio ancora, la tivù è la pena? Sì, ma quale colpa stiamo scontando per meritarcela?

2 commenti su “Programmi penosi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.