Bye bye Corea

Ci sono voluti quattro anni di silenzioso rancore, ma alla fine i simpatici amici sudcoreani hanno avuto ciò che si meritavano.
Hanno cioè amaramente scoperto – come spero in futuro accada a Juve, Milan e compagnia – che senza arbitri corrotti è difficile vincere se non si sa giocare a calcio. Nel 2002 la nazionale sudcoreana, spinta dal pubblico ma soprattutto dagli sponsor (ammetteremo che tra Samsung e Mivar non c’è gara) arrivò in maniera indegna in semifinale.
Noi ci ricordiamo ovviamente della sconfitta decretata dall’arbitro Moreno (non è questione di tifo: riguardando venti volte quella partita, venti volte ci si accorgerà di un arbitraggio scandaloso) ma anche contro la Spagna i sudcoreani vinserò insultando lo sport e le regole. Stavolta gli sponsor hanno potuto meno, certo sono sempre potenti ma comprarsi due mondiali sarebbe stata eccessivo.
E così la nazionale orientale torna a casa al primo turno, come fa da decenni e come continuerà a fare fino a quando non tornerà a comprare gli arbitri. Il sassolino nella scarpa ce lo siamo tenuti per quattro anni, ma adesso, cari sudcoreani, possiamo cortesemente sfilarcelo e passarvelo.
Vedete voi dove depositarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.