Sadotecnocrazia

Ve ne sarete accorti tutti: le poche partite di calcio dei mondiali trasmessi dalla Rai hanno due antiestetiche bande nere sopra e sotto lo schermo. Sembra di vedere un film di John Wayne. Per non parlare poi di chi dispone di televisori portatili, minischermi da sbirciare in treno o televisori da campeggio: togliere pochi millimetri a chi dispone di un due pollici è veramente crudele.
È il trionfo della sadotecnocrazia: chi non si adegua è emarginato, deriso, villipeso. Per guardare bene le partite di calcio bisogna disporre di un televisore 16:9, punto. Non bastava trasmettere in 16:9 sul satellite o in digitale terrestre, no, il sadotecnocrate gode quando il retrotecno soffre, arrancando, con i suoi dispositivi superati. Siamo solo all’inizio. Fra qualche anno, se per una volta le leggi saranno rispettate, solo chi dispone di digitale terrestre vedrà la tivù. Per gli altri sarà l’oblio, le tenebre si oscureranno suoi loro televisori ancestrali, e sadotecnocrate potrà cominciare a pregustare il piacere del passaggio successivo, quando trasmetterà solo in alta risoluzione.
Tutti gli altri potranno vedere solo la bandierina del calcio d’angolo vergognandosi della loro miseranda condizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.