Le poste mi odiano

cassetta_postale“C’è una fila, signore”.
“Ma io devo spedire solo un pacchetto”
“La fila è unica, signore”.
Le poste mi odiano. Sono arrivato a questa amara considerazione osservando le mutazioni del servizio postale negli ultimi anni. Mi odiano perché io non ho il conto bancoposta, non ho la postamat, non accredito il mio stipendio da loro. Non ho mai comprato un televisore o una lavatrice dai loro cataloghi, né un libro dai loro scaffalini improvvisati. Nemmeno un gratta e vinci, e non mi interessano nemmeno le schede telefoniche a tariffe agevolate.
Io dalle poste voglio una cosa semplice: un buon servizio postale. Voglio poter spedire un libro senza che la spedizione costi il doppio del contenuto, voglio ritirare una raccomandata che non ho potuto ricevere perché me l’hanno consegnata alle 11 (ma chi trova in casa, alle 11, il postino? Persino le ottuagenarie a quell’ora sono al mercatino).
Alcuni giorni fa mi sono recato all’ufficio postale più vicino con questa insulsa pretesa. Dovevo spedire un pacco. C’erano decine di persona in fila: dovevano pagare le tasse, ritirare la pensione, ordinare un bonifico, inviare denaro, ritirare denaro. Attività che in un paese normale si fanno in banca.
Per fortuna, in questi casi, c’è sempre uno sportello, in fondo, un po’ in ombra, dove noi altri vecchi nostalgici possiamo ritrovarci con i nostri francobolli e le nostre buste. Mi sono avviato in quella direzione, e immediatamente una voce mi ha inchiodato di fronte alle mie responsabilità. C’è una fila, signore.
E così ho dovuto mettermi in fondo a quella coda di pensionanti, popolazioni al vaglio di vaglia, ricaricatori di credito telefonico, portatori sani di bollettino, con un’unica colpa: le poste mi odiano. E va bene, mi arrenderò, userò i corrieri. Dovrò rinunciare a mangiare tutti i giorni, considerando quello che costano, ma alla fine mi adeguerò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.