Le scarpe del Re

Nella puntata di oggi di “Un giorno da pecora” l’ospite era Formigoni. Dopo aver spiegato la vera essenza ontologica della pernacchia (e noi sciocchi che pensavamo che Bossi l’avesse insultato) e aver illustrato la sua idea di moderazione che più o meno consiste nell’accettare tutto quello che dice il capo, il presidente della regione Lombardia ha criticato il candidato sindaco di Napoli De Magistris per la pessima scelta di indossare delle scarpe da ginnastica. Uno che veste Iceberg anche quando apparentemente è rilassato (ma solo per promuovere il made in Italy, ci mancherebbe) non può tollerare la mancanza di buon gusto, l’oltraggiosa cafoneria di un popolano in scarpe da tennis. Quando i conduttori gli hanno chiesto che scarpe indossasse lui, Formigoni ne ha illustrato gli straordinari pregi d’alto artiginato brianzolo, l’eleganza del taglio e della linea, ha chiarito di non averli pagati perché a lui le regalano (e secondo me un politico non dovrebbe mai accettare un regalo, ma io non faccio testo).Sollecitato su quanto potessero costare, ha accennato ad un “più o meno sui mille euro,via…”.

Mille euro. Un paio di scarpe. Se non ci credete andate a recuperare il podcast. E critica le volgari scarpacce da tennis di De MAgistris.

Io dico solo che un paese in cui u politico calza – gratis – quanto un precario guadagna in un mese è un paese senza futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.