L’ha detto anche Moggi, è l’Inter la Juve di oggi

Si comportavano come dei lord inglesi, colti e raffinati, in mezzo a trogloditi cavernicoli; si guardavano intorno con aria di sufficienza commiserando chi non capiva l’essenza del calcio; attiravano a sè la stima e la simpatia di tutti coloro che in fondo li reputavano superiori.
Sto parlando degli interisti dell’era Moggi. Cinque anni fa essere interista voleva dire manifestare un’evidente superiorità intellettuale: e più la squadra perdeva, più Moratti appariva un essere sovrannaturale calatosi nel mondo per indicare la via della correttezza, dell’onestà, del saper vivere.
Già allora i maligni sospettavano che più che essere onesti, i dirigenti interisti erano lessi e semplicemente non riuscivano ad entrare nella stanza del potere. E adesso? Adesso segnano con il braccio e fanno spallucce, si lanciano in area di rigore come totani surgelati in padella e chiedono il penalty, insultano gli avversari e a chi osa criticarli rispondono di non azzardarsi perchè loro sono i lord, quelli raffinati.
Non so se i vincitori sono più antipatici, non so se c’è una nuova "cupola" che gestisce il calcio, so che alla prova dei fatti anche gli interisti si sono rivelati trogloditi cavernicoli, proprio come tutti gli altri amanti del pallone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.