Donne molto pesanti

Ieri sera ho presentato il mio romanzo presso la sala consiliare del Quartiere Reno, a Bologna, grazie alla collaborazione dell’associazione Libri e Dintorni. Ma non è questa la notizia. In un clima molto informale e giocoso (le presentazioni sono così troppo spesso triiiiiiisti), ad un certo punto mi sono messo a raccontare della mia disapprovazione per le diete dimagranti. Servono, lo so, l’obesità è un problema, ma le ragazze a dieta mi mettono tristezza, specie quando non ne hanno bisogno. Si esce la sera, tu ordini birra antipasti pizza speck e grana e già pregusti il tartufo che ordinerai per dessert (non sono particolarmente goloso, ma la convivialità della tavola per me è sacra), e magari la persona che hai di fronte ordina un’insalata. E basta. Un’insalata, come se l’insalata fosse un piatto a ordinare per una persona civile. L’insalata è un contorno, un ornamento per la fiorentina o per il petto di pollo, un contenitore che permette alla salsiccia ai ferri di scivolar più tranquillamente giù per l’esofago. Non si può uscire a cena e ordinare un’ insalata scondita senza gettare nello sconforto cameriere, amici, commensali, e tutto il quartiere man mano che la voce si sparge.
E che dire delle ragazze che ordinano una pizza sottile con un filo di pomodoro senza mozzarella e con poco sale? Una specie di frisellona scondita. Giammai. Ebbene, una simpatica signora durante la presentazione di ieri ha aggiunto: io sono stata testimone di una signora che ha chiesto al cameriere di pesare la pizza, prima di mangiarla. Fossi stato il cameriere, le avrei risposto: niente può renderla più pesante di quanto già lei non sia, signora…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.