Gira la rotonda gira

Che l’urbanistica e la pianificazione territoriale siano da sempre attraversate da mode è facile affermarlo.
Si pensi agli stradoni post-napoleonici che sorsero abbattendo interi quartieri medievali, ai palazzoni maschi e valorosi dell’epoca fascista o ai quartieri sorti fuori città a partire dagli anni sessanta e spesso ridotti a orrendi dormitori.
Il minimalismo e la mediocrità dei nostri anni è tale che verranno ricordati dai posteri propriamente come gli anni rotondi. Non perché mangiamo di più e nemmeno perché abbiamo riscoperto le forme morbide. Rotonde perché quotidianamente assistiamo impotenti alla scomparsa di un solido, valido, efficiente incrocio sostituito da una piccola indianapolis o, come dicono gli anziani e i libri di scuola guida, una rotatoria.
La rotatoria fa comodo essenzialmente ai giardinieri, che trovano insoliti spazi in cui piantare cespugli secchi, fiori smorti ed enormi targhe pubblicitarie, e ai produttori di navigatori satellitari. Mentre una volta bastava dire sempre dritto, poi la seconda a destra e la terza a sinistra, oggi occorre dire alla seconda rotonda prima uscita poi dopo tre rotonde terza uscita bis: capite che ci si sbaglia. Ed ecco che serve il navigatore, anche perché, diciamolo, alla terza rotonda l’automobilista barcolla, esita, bestemmia se capita in preda ad una sindrome a metà tra l’ubriacamento e il delirio d’onnipotenza. Si dirà: si fluidifica il traffico. Avete mai visto una fila in rotonda, perché il semaforo è rosso? Ve lo dico io, le vene varicose di una novantenne sono molto più scorrevoli. Si perché i produttori di semafori non si sono fatti tagliare dal mercato: la rotonda non elimina il semaforo, lo moltiplica, perché se prima ce n’era uno, adesso rischi di beccarne due, uno in entrata e uno in uscita. Si dirà: riduce gli incidenti. Fra le auto, forse.
Ma i pedoni?
Avete mai provato ad attraversare una rotonda a piedi?
Ovviamente no, perché altrimenti non sareste qui a leggere questo blog ma mi guardereste dall’alto dei cieli annuendo malinconici..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.