Kill Bill Volume I

Quentin Tarantino si deve proprio essere divertito un mondo, nel girare Kill Bill: si ha quasi l’impressione di scorgere l’entusiasmo del regista che cita a piene mani dal cinema orientale di serie B, che gongola nello splatter più truculento, che si sente perfettamente a suo agio tra teste mozzate, arti che schizzano via e sangue, sangue, tanto sangue.
La tecnica c’è ed è magistrale, dalla scelta dell’inquadratura al ritmo che alterna sequenze adrenaliniche a improvvisi rallentamenti, dalla musica anni 60 che si sposa benissimo con le immagini vivide e colorate, ai salti temporali che tanto piacciono al nostro regista. Un capolavoro, allora? Forse avrebbe potuto esserlo, se solo avesse avuto un minimo, vago, leggero abbozzo di sceneggiatura. Invece i dialoghi latitano, sono ridotti all’essenziale, quando ci sono funzionano nel gioco parodico “I più fortunati di voi che hanno ancora una vita se ne vadano finché sono in tempo, ma lasciate qui i vostri arti amputati, quelli ormai mi appartengono…”, insomma siamo distanti anni luce dai momenti migliori delle Iene e di Pulp Fiction. Tenete presente comunque che chi scrive ama molto la parola e molto meno le amputazioni sanguinolente, e questo può aver influito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.