La statale della morte

C’è ancora qualcuno che rimpiange il ponte sullo Stretto di Messina che, con ogni probabilità, non si farà. A questo qualcuno vorrei chiedere: ma come si raggiungerebbe questo ponte, da nord?
Attraverso la Salerno-Reggio Calabria, sarebbe la probabile risposta. E sulle ridicole condizioni della Salerno- Reggio Calabria non mi dilungo. Ma tutti quelli che provengono dalla costa adriatica, da Trieste in giù (come è bello far l’amore… no questa è un’altra faccenda) dopo l’A14 che finisce a Taranto come ci arrivano alla Salerno-Reggio Calabria?

Devono attraversare la statale della morte, la famigerata statale 106. Da Taranto a Metaponto è quasi un’autostrada: poi comincia il lento inabissarsi infernale di questa strada che diventa a tratti un tratturo di campagna.

Guardate le foto scattate il 29 dicembre di quest’anno, per farvi un’idea. Non sono immagini del Guatemala o della Guinea, signori, queste sono Lucania e Calabria.

È da qui che dovete passare, signori del ponte, prima di attraversare il vostro colosso di acciaio. Allora?

È così che vogliamo rilanciare la vocazione turistica di queste meravigliose regioni? Per caso la 106 è una specie di Camel Trophy sponsorizzato da un’azienda di fuoristrada?


Non scherziamo, signori, in una buca così non solo ci lasci ruote e cerchioni: al buio, se non te ne accorgi per tempo, ci lasci la pelle. E agli amici leghisti che si lamentano sempre dello stato che mangia i loro quattrini e li porta al sud, invito a riflettere su queste foto: dove sarebbero questi soldi che finiscono al sud? Forse i lucani e i calabresi non sono cittadini come gli altri, e non hanno diritto ad una strada da paese civile come gli altri?


PS. Per i possessori di fuoristrada: l’anas sta tamponando in questi giorni l’emergenza buche, per cui per il momento il safari avventuroso è rimandato. Ma non temete: al prossimo acquazzone saremo di nuovo in questo stato, e potrete divertirvi un mondo.

PPS Per tutti gli altri: nonostante le buche, andate in Calabria e Sicilia. Ne vale comunque la pena. Magari andateci guidando con prudenza

3 commenti su “La statale della morte”

  1. Il Automobilclub dalla Germania provato Gallerie in Europa.
    Due Gallerie dalla A3 Salerno – Reggio Calabria venuto molto brutto!
    Perche non ce lo sicurezza (Niente telefono emergenza e niente uscita emergenza e naltre cose).

    allo

    Der ADAC hat weiter skandal?se Zust?nde an der A3 Salerno – Reggio Calabria aufgedeckt:

    Zwei Tunnel haben die Note Mangelhaft bekommen.

    Zitate:

    [quote]Schlusslicht sind mal wieder die Italiener. Der Testverlierer Paci 2 auf der A3 Salerno ? Reggio Calabria bei Scilla befindet sich in einem katastrophalen Zustand und kann keinerlei Sicherheitsvorkehrungen aufweisen. Rund 200 Kilometer n?rdlich auf der A3 sieht es nicht viel besser aus. Auch der Serra Rotonda hat an Sicherheit wenig zu bieten.[/quote]

    [img]http://www.adac.de/images/mb_Tunnelansichten_012_xxl_tcm8-180276.jpg[/img]

    [quote]Nichts weiter als ein vergammeltes, schwarzes Loch: Italienische L?ssigkeit im Testverliere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.