L’ansia prospettica

Tutti i genitori prima o poi scoprono di coltivare un po’ d’ansia nei confronti dei figli, di ciò che può succedere loro, del futuro.
Si va dagli apocalittici, che sconsolati ripetono che i loro bambini non vedranno l’alba del trentesimo anno perché il mondo finirà prima per via dei riscaldamento climatica, agli iperigienisti, che lavano e disinfettano tutto ciò che è a tiro del pargolo e lo rivestono di mascherina e guanti se proprio si rende necessario un contatto con l’esterno. Io non appartengo a nessuna di queste categorie, certo il succhiotto lo sciacquo se cade per terra, ma non sono troppo ansioso sul presente, e neanche sul futuro prossimo. Quello che mi mette in crisi è il futuro più lontano.
Che ci sarà, non sono mica apocalittico.
Però, sarà colpa della letteratura e del cinema di cui mi nutro o forse della mia formazione, le domande che mi pongo io sono: ma non è che partendo dal capellino firmato di Winnie da Pooh non arriviamo dritto dritto alle Winx e quindi al “papà voglio le scarpe di Prada”?
Non è che tutti questi pannolini imbottiti le faranno venire un sederone grosso così (a me piacciono le fat bottom girls ma non è detto che piacciano a lei)? Non è che a furia di sentire i discorsi del papà, per imitazione ed esagerazione, mi salta fuori un’anarchica inserruzionalista? Oppure, peggio ancora, per differenza, una clerico fascista? Mentre facevo zapping l’altro giorno, non avrà mica visto per caso Emilio Fede? No, eh? Perchè a questa età sono delle spugne.
Pochi minuti di TG4 adesso possono voler dire fra vent’anni: “Mi consenti, papà, cribbio! Anche se tu remi contro, io scendo in campo e vado a fare il provino per veline”
A quel punto la fine del mondo anticipata sarebbe una soluzione preferibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.