Palle in sesto

Un bel film surreale di Woody Allen tornato a graffiare con un sarcasmo amaro ma mai sgarbato o gratuito (Harry è a pezzi). Un film duro ma profondo di quel regista geniale e un po’ sottovalutato che è Bob Thornton (i più lo ricorderanno come interprete di Babbo Bastardo: è anche un ottimo attore): Lama tagliente.

Sono due film proposti ieri dal palinsesto televisivo gratuito: il primo su Rai Uno, il secondo su Rete 4. Be’, allora, non possiamo poi lamentarci più di tanto, c’è ancora del buon cinema trasmesso nella tanto bistrattata televisione. Calma, ragazzi: il film di Woody Allen è stato trasmesso alle 2,40 del mattino, quello di Thornton alle 2,20 su Rete 4. Per far spazio a cosa, direte voi? All’infinito Medico in famiglia (non me ne voglia Banfi, ma io lo preferivo quando cantava Filumena da Canosa in film non proprio intellettuali ma genuini) e a "Io sto con gli ippopotami", prima serata Rete 4, trasmesso per la tredicimilesima volta.
Perché ci si comporta così? La risposta è in quello strumento ridicolo e privo di ogni fondamento scientifico chiamato Auditel, che da anni mortifica il cinema in tv. Lo scrissi quasi dieci anni fa per una sfortunata tesina all’Università. Sono ancora qui a ripeterlo…

PS Ieri è stato trasmesso un altro bel film: "Scuola di spie", su La 7. Alle 14. Ma andate, va…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.