Sfumature multietniche

Ieri ho giocato a calcetto con un gruppo di persone… variopinto.
C’era un peruviano, tutto tocchi di prima, samba e galanteria d’altri tempi. C’era un siciliano, l’ultimo ad arrivare in campo e attento a sedare le risse da lui stesso alimentate.
C’era un colombiano, anche lui passo felpato, eleganza malinconica e poca sostanza.
Un campano, l’organizzatore, amico di tutti.
Uno scozzese, l’unico a fare corretamente il riscaldamento senza lanciarsi subito sulla palla, con consapevolezza nordica.
Un genovese che si è esibito in un turpiloquio da fare arrossire una capo mafia cinese.
Un pugliese capace di segnare un solo di gol di rapina, nel vero senso della parola. Un giocatore dell’altra squadra, appena cominciata la partita, gli passa la palla, convinto che siano compagni. E lui la scaglia fortissimo in porta, avendo pure il coraggio di esultare.

PS. Il pugliese ero io. W l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.