Stavolta il sindaco l’ha azzeccata

Oggi voglio parlare bene di Merola, il sindaco di Bologna. Finora non sono stato particolarmente tenero nei confronti della sua giunta, che più di una volta mi ha fatto girare gli zebedei a velocità tale che se ci attaccassi una dinamo al posto dell’alimentatore il mio cellulare diverrebbe un tablet.

Una delle peggiori giunte a mio giudizio da quando vivo a Bologna (quindi circa vent’anni), e dire che non era facile fare peggio di Cofferati (ai livelli di Guazzaloca non c’è ancora arrivato, ma via, quelli erano primati difficili da superare, il Civis, ah il Civis…).

Il mancato rispetto della Costituzione, e in particolare dell’articolo 97 sembra infatti essere uno dei punti saldi di questa amministrazione, che organizza concorsi di cui com’è come non è si sa sempre in anticipo chi vincerà e mi fa venire certi nervi a fior di pelle che se metto i guanti di gomma si stracciano come coriandoli.

Un’amministrazione che indice un concorso per uno specialista di comunicazione, ma trascura il rispetto della legge 150/2000 che prevede per questo ruolo la laurea in scienze della comunicazione. La giustificazione è quasi peggiore dell’infrazione: “volevano consentireconsentire una più ampia partecipazione””. Come se perassumere un medico si accettassero anche laureati in giurisprudenza, così per consentire una maggiore partecipazione.

Una giunta che, sempre sulla comunicazione, trascura le decine di ottimi professionisti al suo interno per giustificare l’assunzione di un professionista esterno, anche in questo caso in barba alla legge (solo il portavoce può essere nominato dal sindaco, i comunicatori e gli addetti stampa devono essere assunti per concorso).
Insomma, se la legge vi va bene, io non vado bene, mi verrebbe da dire citando lo slogan (a proposito, pare l’abbia coniato proprio il consulente assunto dopo, che coincidenza, roba da farmi venire una bile gonfia quanto il sacchetto della spazzatura dopo una cena con i parenti).
Però una cosa Merola l’ha azzeccata, e bisogna riconoscerlo, e per una volta ha fatto bene anche alla mia salute. La chiusura al traffico del centro infatti lo ha ripopolato in maniera incredibile. E non parlo solo dei giorni di sole, quelli in cui nemmeno un sociopatico resta in casa e almeno una capatina in balcone se la fa. Parlo anche di giorni freddi e piovosi come ieri. Come topini che improvvisamente scoprono che il gatto è schiattato, i bolognesi spuntano felici da portici, zampettano per strada increduli del fatto che nessun suv cerchi di inumarli direttamente sopra i ciottoli.
Non so in base a quale calcolo i commercianti si lamentano, io ho visto bar e ristoranti pienissimi, negozi di tecnologia con i ragazzi in fila per l’iphone (ma dove li prendono 700 euro per un cellulare, questi ragazzi?). Forse si guarda più di comprare, ma sarebbe lo stesso con il traffico di auto, temo.
Accipicchia, dimenticavo di citare il finanziamento alle scuole private mentre non ci sono i soldi per mettere a norma quelle pubbliche, che mi fa venire un fuoco dentro come nemmeno quella volta che confusi la crema idratante con quella solare cuocendomi in spiaggia a fuoco lento.
Ah, già, ma avevo detto che parlavo bene di Merola, basta così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.