Assolutamente s

Bisognerebbe insegnare a scuola che l’avverbio va usato con molta parsimonia e attenzione, è un ingrediente della scrittura prezioso per insaporire dei verbi un po’ insipidi, per colorare di sfumature luminose dei concetti pallidi, per riempire con qualche battuta un pezzo che non si riesce a chiudere. Gli avverbi sono come spezie, profumati e piacevoli ma non insispensabili: e soprattutto,se si esagera diventano velenosi. Quando si fa un lavoro di sintesi, i primi a essere sacrificati sono proprio gli avverbi, seguiti dagli aggettivi che spesso tronfiamente arrichiscono i comunicati stampa. Perché questa digressione sulla scirttura? Perché da qualche tempo, ormai, in televisione non si risponde più si o no, ma “assolutamente sì” o “assolutamente no”. Può capitare la necessità di ribadire un concetto, sottolinearlo, evidenziarlo: ma senza esagerare, se è no è no, si capisce, non è che esiste un no relativo e uno assoluto. Una delle bandiere dell'”assolutamente sì” è Simona Ventura (fateci caso) e in fatti l’avverbio si sta diffondendo rapidamente proprio tra gli appassionati di reality show. Chissà, forse un giorno non troppo lontano il sacerdote chiederà a Pippo: vuoi tu prendere Gina in sposa? E Pippo risponderà: assolutamente sì. E a quel punto il sacerdote darà il via al televoto per stabilire quale testimone lascerà la chiesa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.