Ciao ciao 2004, non ci mancherai

Caro 2004,
non sei stato un anno particolarmente fortunato. La guerra in Iraq, le tempeste tropicali, i conflitti mai sopiti in Africa, il trionfo di Bush, la lenta eutanasia della democrazia in Italia e la svolta verso il regime dolce. Ma se anche tu fossi stato un anno bello, questi ultimi giorni di tragedia sarebbero bastati a rovinare il ricordo, come una pennellata sbagliata che rovina un affresco, come un retrogusto amaro che resta dopo un pranzo. Addio 2004, non ti abbiamo voluto molto bene, nè tu ne hai voluto a noi. Ci piacerebbe che con te ti portassi via la tragedia del maremoto, i conflitti, i politici interessati, le torture, le violenze sulle donne, il lavoro dei bambini. Ci piacerebbe, perché no, che ti portassi via anche la televisione deficiente dei pacchi truccati, dei reality show e dei mostri di silicone. Non è possibile, lo sappiamo, non hai valigie abbastanza capienti. Se però, prima di partire, dovessi incrociare quei cretini che pretendono di non rinunciare al viaggio alle Maldive prenotato, e che magari esigono anche la massima efficienza da parte di ristoranti e degli alberghi: se dovessi incontrate questa sottospecie di umanoidi, sputagli in faccia da parte nostra. Cosa ti costa? Tanto poi scappi via, caro 2004. Chi vuoi che venga a riprenderti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.