La pubblicit? rotonda il nonnetto mi sfonda

In questi giorni Bologna ? presa d’assedio dai pettorali dell’Arcuri. Con una campagna pubblicitaria aggressiva come non ne ricordavo da tempo, la Manuelona mostra il suo straripante davanzale agli automobilisti con una serie di cartelloni sparsi per la citt?.
Non solo i tradizionali 6×3, posti nelle posizioni strategiche per generare maxi tamponamenti: ma anche una sfilza di cartelli pi piccoli, appesi uno dietro l’altro, cosicch? se ti perdi il primo c’? il secondo, e poi il terzo, e poi il quarto, quasi a sperare che ci sia, come dire, un’evoluzione nell’abbigliamento intimo della soubrette.
Ebbene, la domanda che mi ronza in testo da qualche tempo ?: ma questi manifesti, hanno successo anche sulle donne, che poi sono il target primario delle campagne? A meno che non si rivolgano agli uomini affinch? regalino quella biancheria alle loro compagne (ma mi sembra contorta come strategia di marketing), non me li spiego.
Anche perch? io avr? visto decine di volte il manifestone dell’Arcuri (non sono un maniaco, giuro, ma ? davvero ovunque), e nemmeno mi ricordo che marca di lingerie pubblicizza. L’occhio umano seleziona, ed evidentemente quello maschile in questi casi non si sofferma sul marchio.
E quello femminile? Care lettrici, voi comprate la biancheria perch? la reclamizza l’Arcuri mezza nuda? Se ? cos?, i pubblicitari hanno ragione. Se non ? cos?, ditegli di smettere, prima che un vecchietto abbia un coccolone e mi finisca addosso con la macchina…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.