Archivi tag: successo

La macchinetta del piacere

Si chiama serendipità, è quella causale fortuna che ci porta talvolta a fare delle enormi scoperte cercando qualcos’altro. Pensate a Cristoforo Colombo, alla mela di Newton, o alle sulfaniluree, sostanze usate per la cura del diabete che originariamente erano state studiate per debellare il tifo e che abbassavano la glicemia nel sangue come effetto collaterale.
Ebbene, una terapia antidolorifica americana, basata su elettrodi impiantati sulla base della spina dorsale, si è rivelata un successo straordinario perché sembra che provochi l’orgasmo femminile.
Ora, non voglio qui aprire un dibattito pruriginoso sulla scena di un marito, magari di una certa età, che entra in camera dove la signora sta curando il mal di schiena per trovare le pantofole e la scopre felice come non accadeva da decenni, semmai era accaduto che fosse così felice. Però questa macchinetta dovrebbe allarmare i maschietti di tutto il mondo, perché se davvero funziona potrebbe denunciare clamorosamente le nostre carenze ed esporci a confronti umilianti.
Tutto sommato non mi sembra si sia trattato poi di questa grand fortuna, in effetti…

9 maggio 2004 – Fiera del libro di Torino

C’eravamo anche noi, a Torino, a presentare “Bello dentro, fuori meno” (noi non nel senso di pluralis maiestatis, ma nel senso di io e l’editore di Nonsoloparole Edizioni). Visto che l’argomento della fiera era la narrativa umoristica – il titolo recitava appunto “Ridere è una cosa seria” – l’occasione è stata quanto mai proprizia per incontrare i lettori. Sì perché ho scoperto che ci sono dei lettori – pochi, per carità – del mio romanzo anche al di fuori della cerchia di parenti e amici che si sono sentiti obbligati a comprarlo e che tutte le volte che mi vedono mi ripetono “l’ho comprato ma non ho ancora avuto il piacere di leggerlo”…

E quasi mi dispiaceva rovinare il libretto intonso con la mia dedica, devo riallenarmi un po’ in calligrafia, un paio di firme erano davvero brutte, e sapete quanto è difficile ripetere una bella “C” elittica, mi riesce bene solo quella del nome, quella del cognome è sempre un po’ deludente. Migliorerò. Cominciano ad accorgersi del mio libro anche i librai, soprattutto quelli piccoli e coraggiosi, visto che stanno arrivando le prime ordinazioni: bene, ma non è certo il momento di rilassarsi, se avete ancora difficoltà a trovarlo, fatemi sapere che in un modo o nell’altro vedo di attivarmi. E poi insomma, tutti continuano a ripetere questa litania del successo della letteratura comica legato a ragioni sociologiche, storiche, culturali, insomma, devo proprio essere l’eccezione alla regola?

A presto. Pace e bene