Archivi tag: supermercato

Frankie viene a casa con me

vitaminiSono 120 euro e 27 centesimi.Vuole lo sconto punti?

– Nessuno sconto punti.

– Le scarico il ristorno?

– Il ristorno resta dov’è, grazie.

– Uh…va bene. Però devo toglierle 50 centesimi di sconto sul dentifricio, fanno..

– Pago i 120 euro, lei non toglie niente, mi stampi lo scontrino. Pago i 120 euro, mi servono quei dannatissimi 6 bollini per portarmi a casa Frankie Fico quindi lei stampa lo scontrino e va bene così. La commessa, colpita da quel papà esaurito che aveva fatto la spesa mancando solo di 27 centesimi in eccesso l’obiettivo, regalò altri 6 bollini. Di questo passo presto anche Bob Broccolo sarebbe stato arruolato

Top-ten dei consigli da seguire per diventare un guerriero della spesa

supermercatoNegli ultimi anni ho acquisito una discreta competenza negli acquisti nei centri commerciali. Sono un soldato della spesa, per me non c’è niente di piacevole o ludico nello shopping: è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo. Possibilmente in fretta.
Ho deciso di condividere un po’ di riflessioni con chi di voi, là fuori, aspira ad una carriera marziale nelle fila degli eserciti dei consumatori spietati, programmatori, cinici.
Tra i consigli non c’è il più importante: fai la lista a casa, magari con il volantino delle offerte sotto gli occhi. Si lo so, ci sono ancora degli scellerati che si presentano impreparati alle porte degli iper, “tanto poi sceglo man mano che vedo”. Ci sarà un motivo d’altronde se il mondo occidentale è in crisi.A questi consumatori di tempo e risorse non possiamo che riservare il nostro sdegno e la commiserazione di chi li osserva dall’alto delle nostre accurate liste della spesa.
10) State attenti a chi vi procede in corsia verso la cassa. Le signore anziane pagano sempre in contanti.Si portano in borsa due chili di monete da un centesimo, e potete giurarci che li contereanno tutti uno per uno prima di pagare la scatoletta per il loro gatto, mentre voi capite com’è che ad un certo punto uno può diventare un serial killer. Evitate anche i carrelli con molti vestiti: di solito l’antitaccheggio non funziona bene e una volta su due tocca aspettare l’addetto che liberi la tutina per il nipotino.
9) Molti sacchetti, molta gloria. Non è detto che dobbiate riempirli tutti, ma portatevene tanti, da casa, perché vi agevolerà nel momento in cui dovrete distribuire il bottino. Pardon, gli acquisti.
8) Il carrello sarà il vostro compagno di traversata. Sceglietevelo bene. Se cigola, o peggio ancora ha ua ruota bloccata (orrore) è meglio cambiarlo subito che sottoporsi ad una lunga agonia fatta di involontarie inversioni a U e crampi ai polsi.
7) Chi progetta i supermercati vorrebbe che seguiste l’ordine che hanno pensato per voi. I principianti ci cascano. Non noi guerrieri del carrello. Oltre alla lista della spesa, dovete avere una mappa (anche solo mentale) dei settori. Prima si comprano i prodotti pesanti (bibite, latte, libri, elettronica) poi quelli leggeri (pasta, brioches), per ultimi i freddi e i surgelati. Ho visto casalinghe sprovvedute avere crisi isteriche di fronte ad un carrello in cui il loro marito ha appoggiato il fustino del detersivo sul sacchetto delle patatine.
6) I negozi che circondano il centro commerciale sono come le palline sull’albero di Natale: fanno tanta atmosfera ma sono fondamentalmente inutili. E intercambiabili. Se proprio volete visitarli, fatelo
prima di fare la spesa. In gioielleria potrebbero guardarvi male se vi avvicinate alle vetrine con un carroarmato cigolante di sacchetti e scatoloni.
5) Il martedì e il giovedì ci sono di solito più sconti. E sapete perchè? Perché nessuno fa la spesa il martedì e il giovedì, specie al pomeriggio. Per un soldato della spesa, quello è il momento di conquistare il campo di battaglia.
4) Parcheggia fuori. Mai nel parcheggio sotterraneo. Va bene, quando piove può essere comodo, ma è la stessa cosa che pensano le mamme in suv che non riescono a fare manovra per uscire e hanno generato una coda modello A14 la vigilia di Ferragosto. Per non parlare del pensionato in Yaris che sono tre giorni che gira intorno perché non trova l’uscita, completamente rimbambito da una segnaletica perfida e maligna.
3) Non cedere alle sirene delle promozioni. Sono carine, gentili, offrono caffé gratis, spiegano raccolte punti e favolosi sconti, ma in realtà stanno lì in piedi da dieci ore e l’unico loro pensiero è mettere a bagno i calli sotto il tallone. Rubano il vostro tempo come le macchinette delle merendine in stazione gli spiccioli. Per evitare tentazioni, visto che incatenarsi al carrello sarebbe eccessivo (e inutile, visto che spingete voi), appena le individuate cambiate corridoio.
2) Salvatempo e casse automatiche sarebbero gadget interessanti, se non fosse per il rischio di dover aprire tutta la spesa davanti agli occhi infidi di un dipendente che deve controllare che non abbiate rubato gli stuzzicadenti. Il rischio di perdere altri dieci minuti è limitato, ma c’è, per cui lasciateli perdere.
1) Scegli la cassiera, non la cassa. Dipende infatti dalle capacità della cassiera se riuscirai a tornare a casa nei tempi prestabiliti, o rimarrai incollato in corsia per mezz’ora nell’attesa che qualcuno la aiuti a leggere i barcode sulle olive ascolane. Evita gli uomini. Non hanno geneticamente la predisposizione a reggere lo stress del ruolo di cassiere: si distraggono, filtrano con le altre cassiere che non li degnano di uno sguardo, si scoraggiano di fronte ad una confezione di riso rotta. Attenzione anche alle giovani: fisicamente sono preparate, ma noi soldati dell’acquisto non ci lasciamo distrarre dall’avvenenza, soprattutto perché le giovani si impappinano spesso su sconti, rostorni e punti più. La cassiera ideale è sui cinquanta, un po’ sovrappeso (nei momenti di difficoltà bruciare zuccheri aiuta il cervello) e ha i capelli in ordine. Se non sei in grado di tenere in ordine i tuoi capelli, figuriamo cosa combinerai con il mio scontrino.
Hasta la cassa, siempre!

Una buona notizia per i consumatori

Chissà come mai ultimamente sono più ottimista del solito, e di nuovo osservo un comportamento positivo: è quello di alcuni supermercati (nella fattispecie il Plenty, ma spero siano in tanti) di applicare uno sconto del 50% alla merce in scadenza. Se ci fate caso è una situazione, direbbero gli americani, win-win, dove cioè tutti hanno da guadagnarci: il consumatore, che risparmia e compra qualcosa nella consapevelozza di doverla consumare entro breve; il venditore, che non porta al marcero quintali di merce invenduta.
Io per esempio quando mangio uno yogurt guardo l’anno di scadenza, mica il giorno, anche se mi rendo conto che certe volte dovrei mangiarlo prima che cominci a muoversi da solo. Per cui, sono contento di pagarlo meno.
Ma come me penso farebbero in tanti. Certo, magari il supermercato quella merce vorrebbe venderla a prezzo intero fino alla data di scadenza (e in alcuni casi anche dopo, tanto non se ne accorge nessuno); ma un po’ di sconto volto al risparmio, anziché allo spreco (fermate il 3×2! Già l’1 è più che sufficiente!) farà bene a noi e agli altri

Faccio la spesa nel reparto benzina

Dopo farmacisti, tassisti e professionisti, è la volta dei benzinai a protestare contro le liberalizzazioni.
La differenza principale, stavolta, è che a protestare è una figura mitologica, un’immagine culturale che nella vita reale si è già estinta. A Statte c’è ancora qualche benzinaio che si avvicina alla macchina, da’ un’occhiata, finge disinteresse e poi chiede "Quanto"? Dopo di che prende la pompa, ti fa il pieno, e se è di buon umore ti pulisce il vetro. Si tratta ormai di personaggi d’altri tempi sempre più difficili da trovare.
Il benzinaio bolognese, per esempio, non ne vuol sapere di sporcarsi le mani morbide di benzina e di prendere freddo là fuori. Se ne sta nel gabbiotto a leggere Quattroruote o Dylan Dog. Sei tu che devi farti il pieno, guardare quant’è, poi andare da lui, scusarti perché hai interrotto la sua lettura e pagare. E magari, se sei proprio sfrontato, chiedere i punti per la raccolta, a bassa voce e vergognandoti un po’. Non è questione di self-service, nelle grandi città ci sono ormai solo self-service, e costano praticamente quanto i vecchi "servito". Allora, se devo fare tutto da me, tanto vale far benzina al supermercato, dove mi fanno lo sconto.
Non solo le liberalizzazioni, cari benzinai, ad uccidere la categoria: siete voi che viete suicidati in quei gabbiotti con le riviste e la radio…