Archivi categoria: Recensioni

Spider Man 2: solo un fumettone?

Il regista (Sam Raimi) è affidabile e ha rinunciato anche al suo gusto un po’ truculento per conquistare i bambini; il protagonista Tobey Maguire è credibile, non troppo muscoloso, non troppo finto, anche se soverchiato dal carisma della bella Kirsten Dust. La storia funziona, nonostante la vita sentimentale del nostro eroe sia esageratamente dilatata rispetto al fumetto, gli effetti speciali sono funzionali e si sposano bene con una New York affascinante, non si cade nella grossolanità di certi prodotti simili e persino un personaggio imbarazzante per il curriculum di chi l’ha ideato come Octopus sembra avere un senso. E allora, cos’è che non va? Sarà che vedere continuamente smascherato il nostro fa perdere un po’ di pathos, sarà che tutto ricorda troppo il primo capitolo, ma insomma, non si grida al capolavoro. Si potrebbe rispolverare addirittura la brutta definizione di “fumettone”, che non rende giustizia alla tecnica del fumetto, che spesso produce poesia come e più di cinema e letteratura.
Ma forse la verità è che a me piaceva chiamarlo Uomo Ragno, e il fatto che i guru del merchandising l’abbiano ribattezzato Spider Man per vendere zanetti uguali in tutto il mondo non l’ho proprio digerito…